Quaestiones perpetuae

Quaestiones perpetuae (tribunali permanenti). Le quaestiones perpetuae erano tribunali permanenti giudicanti in materia (penale) pubblica, a partire dal II secolo a.C.; il sistema processuale incentrato sulle quaestiones perpetuae presentava tre caratteristiche fondamentali:

  • l’accusa era sostenuta da un privato cittadino;
  • il giudizio definitivo era formulato da una giuria di cittadini;
  • il magistrato si limitava a presiedere la giuria, senza partecipare al voto.

(da: http://it.wikipedia.org/wiki/Quaestiones_perpetuae).

In questo “spazio” verranno archiviati articoli miranti ad una “critica dell’attualità”.

ARTICOLI

Caccia all’ultrà! Tifo, violenza e carogne.

Sulla poesia

- Giovanni Arrighi e l’eterno ritorno del Capitale.

Pensare l’Europa oggi. Quale spirito europeo?

La qualità delle pulsioni. Di un realismo fantasmatico.

- Reale, anarchia e stato d’eccezione.

- L’Impero delle “parole di plastica”: loghi e consensi.

-Biopolitica, Evento e Rivoluzione.

- I centocinquant’anni dell’unità nazionale. Leggere una gazzettina di paese mentre sei dal dentista. Quando la riflessione incontra la politica, il diritto, la cultura e l’etica.

-La Rivoluzione, ovvero l’evento im-possibile.

- Identità precarie ed esclusione sociale.

- La stasi psicotica. Sull’ininfluenza del dibattito intellettuale oggi.

- Quelle parole che grondano sangue. Maturità e cultura nell’epoca del sig.B.

- Le il-logiche battaglie del calcio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...